Introduzione della nuova normativa in materia di IVA e del sistema OSS

Il sistema OSS prevede una registrazione volontaria, che non esclude la presenza di registrazioni fiscali in altri Paesi, ossia i sistemi possono coesistere. Il vantaggio consiste nella possibilità a partire dal 01.07.2021 tramite adesione all’OSS, nel Paese in cui la società ha sede, di dichiarare e versare l’IVA dovuta nei rispettivi Paesi UE con le relative aliquote tramite il sistema OSS per vendite a distanza verso clienti privati. Le transazioni per le quali si applica l’OSS saranno dunque gestite tramite una dichiarazione e un pagamento unici. Il sistema si applica soltanto in casi specifici, ossia per vendite a privati partite da un Paese UE a clienti in altri Paesi UE, cosiddette vendite a distanza (Fernverkauf). L’adesione al sistema OSS è prevista al superamento...

Adempimenti IVA tedesca: la soluzione per una gestione corretta senza incorrere in costi elevati

Le registrazioni fiscali in altri Paesi UE sono in passato state sempre associate ad operazioni complesse, ad esempio triangolazioni, lavorazioni del prodotto all'estero oppure consignment stock. Tuttavia, grazie alla diffusione della vendita tramite portali online principalmente a clienti privati con distribuzione capillare all'interno dell'UE, questa realtà interessa ormai sempre più spesso anche strutture di piccole e medie dimensioni. Questo si verifica soprattutto con l'utilizzo di marketplace che offrono un servizio di logistica integrato con magazzini locali - in primis Amazon ma anche Ebay o Zalando - oppure ad esempio importando merce di provenienza extra-UE. Per i rivenditori questo significa dover calcolare il proprio margine considerando anche i costi di un commercialista o rap...

Webinar: operare sul mercato tedesco, 28 settembre 2021

In un webinar organizzato in collaborazione con la Confindustria Alessandria per il 28 settembre 2021 dalle ore 10.30 alle ore 12.30 discuteremo le strategie commerciali di distribuzione del proprio prodotto o servizio in Germania e consolidamento della propria presenza sul mercato tedesco. Un mercato interessante per numerosi settori trainanti dell’export italiano è quello tedesco grazie al suo dinamismo e al potenziale rappresentato dai consumatori non solo tedeschi, ma anche austriaci e svizzeri. A prescindere dalla validità del prodotto o servizio offerti, l’inserimento sul mercato tedesco può presentare insidie a causa delle differenze rispetto a quello italiano, per questo verranno tematizzati vantaggi e svantaggi di diverse modalità per operare sul territorio tedes...

Il distaccamento di dipendenti in Germania

In diversi settori si rende spesso necessario il distaccamento di dipendenti all’estero, ad esempio per il montaggio dei prodotti venduti ad un cliente straniero; tale operazione comporta una serie di obblighi e formalità, in parte regolamentati a livello europeo e in parte a discrezione del Paese oggetto del distaccamento. Questo tema è particolarmente attuale a causa del recepimento, terminato in Germania a luglio 2020, della direttiva europea sul distaccamento. Un distaccamento deve essere disposto dal datore di lavoro per un determinato periodo di tempo – sia esso per la durata di un particolare progetto/incarico oppure per un periodo fisso stabilito contrattualmente. È possibile che la società assuma il dipendente in Italia ad hoc per un distaccamento previsto in Germania...

Obbligo di registrazione IVA: un riepilogo dei casi per chi è attivo in Germania

Alla luce dei numerosi casi che possono richiedere una registrazione fiscale in Germania e delle informazioni non sempre reperibili in lingua italiana sulle normative tedesche in materia di IVA facciamo chiarezza in questo testo e forniamo qui di seguito una panoramica dei casi più comuni e della relativa gestione fiscale per aziende italiane attive in Germania: 1. Vendita online dall’Italia a clienti privati (B2C) Dal punto di vista fiscale l’operazione di vendita online con spedizione dall’Italia al momento dell’ordine da parte del cliente tedesco privato rappresenta una vendita a distanza soggetta a tassazione nel paese di partenza a meno che non venga superata la relativa soglia delle vendite pari a 100.000€ annui per la Germania. Dalla prima transazione al di sopra dell...

Webinar: la Germania e l’emergenza Covid-19, 25 giugno 2020 ore 11.00

Situazione e prospettive di uno dei più importanti mercati per le imprese italiane in collaborazione con la Confindustria Vicenza. La Germania è e rimane anche alla luce delle circostanze attuali un mercato interessante per numerosi settori trainanti dell’export italiano e offre numerose opportunità legate anche alla stretta correlazione con il mercato austriaco e svizzero.  Con gli effetti della pandemia ancora fortemente avvertibili, soprattutto nelle relazioni commerciali con gli operatori dei principali mercati di riferimento, diventa fondamentale capire in quale direzione si sta sviluppando il mercato tedesco e quali opportunità potrà offrire la situazione attuale alle aziende italiane che esportano in Germania. Tracciamo in quest'occasione un quadro generale degli incentivi e delle a...

Webinar: il mercato tedesco post-corona, 15 giugno 2020

GERMANIA: come intraprendere un’attività o consolidare la propria presenza sul mercato tedesco e cogliere le opportunità del periodo post COVID-19 in collaborazione con la Confindustria Mantova. La Germania è e rimane anche alla luce delle circostanze attuali un mercato interessante per numerosi settori trainanti dell’export italiano e offre numerose opportunità legate anche alla stretta correlazione con il mercato austriaco e svizzero.  Vi sono diverse strategie di distribuzione che un’impresa italiana può considerare per inserirsi in modo ottimale su questo mercato, ma vi sono anche differenze rispetto al sistema italiano e una serie di aspetti pratici, legali e fiscali da non sottovalutare. Il programma comprende una panoramica degli incentivi e delle agevolazioni durante l'emergenza CO...

Hotline di assistenza coronavirus – aiuti statali per le imprese e rilancio

Al momento a causa della diffusione del Coronavirus COVID-19 vi sono numerosi quesiti che interessano le società di diversi settori che operano tra Italia e Germania ad esempio: - cancellazione di fiere ed eventi;- calo delle vendite e annullamento di ordini;- mancata o ritardata fornitura di materie prime da parte dei fornitori;- consegna ritardata di merci ai clienti;- quesiti per responsabilità e risarcimenti;- diversi quesiti legati al personale ad esempio cassa integrazione, trasferte ed assenze. Se la vostra impresa sta riscontrando uno o più problemi di questo tipo, i nostri legali dello studio associato Altea LEX sono a disposizione per fornirvi una prima valutazione del vostro caso. Contattateci via mail oppure telefonicamente al numero +49 221 8006444-14 esponendo il vostro que...

L’applicazione IVA nelle vendite a distanza

Quando trova applicazione la normativa relativa alle cosiddette “soglie per le vendite a distanza”? Quando invece è necessario fatturare con IVA locale? Quali sono gli adempimenti in caso di superamento di tale soglia? Rispondiamo qui ad alcune tra le domande più frequenti da parte di aziende con sede in Italia che lavorano con la Germania tramite la vendita a distanza (Versandhandel). La normativa per le vendite a distanza stabilisce che l’azienda italiana può vendere a privati tedeschi per corrispondenza oppure utilizzando un online shop, quindi con spedizione dall’Italia alla Germania, applicando IVA italiana solo fino al raggiungimento di una soglia annuale pari a 10...

Novità legislative in Germania: Legge sugli imballaggi (Verpackungsgesetz)

A seguito dell’approvazione al Parlamento tedesco del 5 luglio 2017 è entrata in vigore a partire dal 1° gennaio 2019 la nuova legge sugli imballaggi (Verpackungsgesetz) che sostituisce e integra l’omonima ordinanza. Oggetto della normativa sono i cosiddetti imballaggi b2c (business to customer), ossia imballaggi che devono essere smaltiti tipicamente o principalmente dal consumatore finale, vale a dire il privato, ma anche esercizi di ristorazione, amministrazioni, ospedali ecc. Mentre, con la normativa precedente, molte aziende potevano argomentare che i propri imballaggi non arrivassero al consumatore, ora l’obbligo di registrazione della società viene sancito da un apposito catalogo che fa riferimento a criteri ben precisi. Ad esempio è la capacità dell’imballaggio che determina se ...